EMILIA ROMAGNA TEATRO FONDAZIONE
Calendari - Archivio
Stagione 2012/2013
LUIGI LO CASCIO in

UNO, NESSUNO E CENTOMILA. UNA LETTURA

Locandina:

tratto da "Uno, nessuno e centomila" di Luigi Pirandello
PRIMA ASSOLUTA

con il contributo di 
CAMAC, BANCA DI CESENA, ROMAGNA INIZIATIVE


Date e Info: domenica 3 febbraio 2013 (ore 21)
Prezzi: intero 10, Speciale Giovani under 30 7, prevendita 1

Scheda:

In un intervista del 1919, a proposito di Uno, nessuno e centomila, Pirandello diceva: "in questo romanzo c'è la sintesi completa di tutto ciò che ho fatto e la sorgente di quel che farò". È dunque un testo d'importanza cruciale per "avere una visione più esatta" non soltanto del suo teatro, ma soprattutto della sue idee sull'arte e sulla vita. Uno, nessuno e centomila è infatti un romanzo di lunga elaborazione, di assidua stesura, che accompagna, o per meglio dire informa di sé, il resto della produzione pirandelliana emersa tra il 1909 e il 1926, anno in cui quest'opera fu definitivamente pubblicata. Un testo-laboratorio quindi, una officina, un deposito segreto, in cui tutte le ragioni della sua poetica si raccolgono e raffinano in forma di racconto di una voce. 

È forse più congeniale, a un testo come questo, la semplice pronuncia che s'articola in lettura piuttosto che una vera e propria messa in scena? Sembra infatti assai complesso, se non contraddittorio, poter dare spettacolo - e quindi consistenza scenica fissata in un'interpretazione perlomeno definita - di quanto invece scorre e sciama in forma di flusso che pur procedendo con intenzione ed impeto, lo stesso non conclude.

Non uno spettacolo dunque, ma lettura di una voce. Voce che sta al di qua del personaggio - entro i confini di un principio ancora informe e non del tutto strutturato nelle pose più scolpite del gioco delle parti del teatro - ma anche, seppure involontariamente (per accadimenti e occasioni cui potrebbe trascinare la corrente impersonale della lettura che improvvisa), al di là di esso, nelle vicinanze di quel luogo più segreto e ulteriore presso cui dimorano i resti, le sopravvivenze, le più crude manifestazioni e sostanze dell'essenza di quello stesso personaggio.

È comunque lettura che inevitabilmente smargina nel teatro perché la voce di chi legge non può non confondersi e svanire, inesorabilmente assorbita e contratta nelle ragioni e nei tormenti del protagonista, il quale, senza necessità d'intermediari, si rivolge direttamente a chi ascolta.

S'intenda allora la pagina come effettivo palcoscenico su cui giochi la voce che insegue appassionata la scrittura. 
Luigi Lo Cascio

Nato a Palermo, LUIGI LO CASCIO studia recitazione all'Accademia Nazionale d'Arte Drammatica Silvio D'Amico. Ha lavorato in teatro con Federico Tiezzi, Elio De Capitani, Peppino Patroni Griffi, Roberto Guicciardini, Carlo Quartucci, Carlo Cecchi, Vincenzo Pirrotta. Nel 2000 esordisce al cinema con "I cento passi" del regista Marco Tullio Giordana, che lo dirigerà ancora nel film "La meglio gioventù" ’(2003). Nel 2005 scrive e interpreta il monologo "Nella tana", tratto da un racconto di Franz Kafka. Nel 2006 partecipa allo spettacolo di Luca Ronconi "Il silenzio dei comunisti". Nel 2008 mette in scena un suo nuovo testo teatrale "La caccia", liberamente ispirato a "Baccanti" di Euripide. Al cinema ha lavorato con i seguenti registi: Giuseppe Piccioni, Cristina Comencini, Eros Puglielli, Alessandro Piva, Roberta Torre, Andrea Porporati, Pupi Avati, Giuseppe Tornatore, Mario Martone, Leone Pompucci.

acquista

 




Piazza Guidazzi - 47521 Cesena - Info: 0547 355911 - Biglietteria: 0547 355959 - Fax: 0547 355910 - info@teatrobonci.it - P.iva e C.F. 01989060361

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK