EMILIA ROMAGNA TEATRO FONDAZIONE
Calendari - Archivio
Stagione 2013/2014

NEL NOME DEL PADRE

Locandina:

di Claudio Fava
monologo teatrale con Roberto Citran
regia di Ninni Bruschetta
scene di Antonio Panzuto

dal libro omonimo pubblicato da
Baldini & Castoldi

in occasione delle iniziative del "Marzo della Legalità"
Roberto Citran incontrerà il pubblico  
mercoledì 12 marzo alle ore 17.30 nel Foyer del Teatro

Organizzazione
Comune di Cesena 
in collaborazione con Teatro Bonci e Comitato di Libera Forlì-Cesena


Date e Info: martedý 11 e mercoledý 12 marzo 2014 (ore 21)
Compagnia: Teatro Stabile di Verona

Scheda:

Nel nome del padre è un monologo teatrale tratto dal toccante libro di Claudio Fava - politico, giornalista e scrittore, autore della sceneggiatura de I cento passi - che ricorda l’omicidio del padre per mano mafiosa e la difficile ricerca della verità su quel crimine.

Roberto Citran, finissimo interprete di teatro oltre che volto noto al pubblico cinematografico e televisivo, dà voce a questo testo in forma di lettera, scritto a 30 anni di distanza dal 5 gennaio 1984: il giorno in cui la mafia chiuse la bocca a un giornalista scomodo, che, in una città come Catania, considerata tradizionalmente fuori dal territorio di cosa nostra, aveva denunciato gli intrecci fra malavita e classe dirigente.

Con grande sensibilità Citran si mette al servizio di questa emblematica vicenda per avvicinarla nel tempo e nello spazio, con l'intento di "condividere con lo spettatore l'esperienza di un omicidio per mafia, cosa rivela e cosa significa per i parenti."

Le parole del figlio, rivolte a un padre che se n'è andato senza sapere, senza capire che cosa stava per succedere, portano il peso del lutto insieme alla determinazione di capire cosa accadde dopo. Quando la viltà omertosa di giudici compiacenti e cronisti bugiardi inizia a riscrivere la storia negando la verità, fra depistaggi, indagini sulle vittime e diffamazione. Perché quando la mafia uccide la morte non basta, è necessario, dopo, l'accanimento sulla memoria.
Per indicare colpevoli e mandanti con sentenza definitiva della Corte d'Assise d'Appello occorreranno circa 20 anni.

Nel nome del padre racconta la ribellione a questo scempio della memoria, la ricerca della verità che diventa per Claudio Fava anche l'unica possibilità per ricostruire la propria vita.
Claudio Fava, figlio d'un martire, condannato a testimoniare, condannato a ricordare per sempre la realtà così come è stata e non come si è voluto far credere che fosse. 

 

 

www.teatrostabileverona.it


Piazza Guidazzi - 47521 Cesena - Info: 0547 355911 - Biglietteria: 0547 355959 - Fax: 0547 355910 - info@teatrobonci.it - P.iva e C.F. 01989060361

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK