EMILIA ROMAGNA TEATRO FONDAZIONE
Calendari - Archivio
Stagione 2009/2010
Luciano Carratoni presenta

OTELLO

Locandina:

Balletto di Roma
direzione artistica Wlter Zappolini

1960-2010 50° anno di attività

interpreti principali Giovanni Ciracì, Claudia Vecchi, Placido Amante, Marco Bellone, Azzurra Schena
coreografia Fabrizio Monteverde 
musiche Antonín Dvoràk
scene Fabrizio Monteverde
costumi Santi Rinciari
light designer Emanuele De Maria
maitre de ballet Sarah Taylor
costumi realizzati da Sartoria Tailor’s & Co. di Spatafora Angela Liana


Date e Info: Marted́ 12 gennaio 2010, ore 21
Compagnia: Balletto di Roma

Scheda:

Dopo il successo di critica e pubblico riscosso da Giulietta e Romeo (oltre trecentocinquanta repliche per un totale di circa trecentomila spettatori), Fabrizio Monteverde torna a Shakespeare con una nuova versione dell’Otello su musiche di Antonín Dvoràk, in cui rivisita il testo lavorando soprattutto sulle dinamiche dei rapporti, quanto mai ambigui e complessi, nel triangolo Otello/Desdemona/Cassio. Una perfetta miscela di tradizione e innovazione caratterizza il percorso intrapreso dal Balletto di Roma, che, nella sua storia più recente, si affida a creazioni originali firmate da coreografi italiani contemporanei: Fabrizio Monteverde, artista di talento dal segno incisivo e originale,  è ormai considerato un maestro del dance-drama post romantico, dalle forti implicazioni emozionali e psicologiche, spesso immerso in atmosfere aspre, di esplicita citazione cinefila.

Precoce dramma romantico, l’Otello ben si presta alla lettura provocatoria ed eccessiva elaborata da Monteverde. L’ambientazione in un porto di mare - dalle suggestioni fassbinderiane - suggerisce il continuo brulicare di persone provenienti da mondi diversi, che per un attimo intrecciano le loro storie e le loro passioni, mentre i personaggi si muovono sulla musica languida e sensuale di Antonín Dvoràk.
L’enfasi musicale serve al coreografo per dare spazio anche all’altro suo peculiare tratto: allo sberleffo beffardo e amaro, all’ironico distacco che ricolloca lo slancio e l’estasi e riconduce il movimento inarrestabile e irrazionale delle passioni in una sorta di commedia delle parti, in una “farsa sanguinaria”, alludendo a analoghe vicende quanto mai attuali, registrate ogni giorno dalle cronache.
 


Piazza Guidazzi - 47521 Cesena - Info: 0547 355911 - Biglietteria: 0547 355959 - Fax: 0547 355910 - info@teatrobonci.it - P.iva e C.F. 01989060361

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK