EMILIA ROMAGNA TEATRO FONDAZIONE
Calendari - Archivio
Stagione 2009/2010
MUSICA E DANZA

DA GALILEI A HAENDEL

Locandina:

Letture galileiane e musica
nel quarto centenario delle osservazioni astronomiche di Galileo
testi a cura di
Gianni Zanarini tratto dalle Lettere di GALILEO GALILEI
musiche da Vincenzo Galilei a Georg Friedrich Haendel (nel 250° della morte)
interpretate dall’Ensemble di musica barocca del Conservatorio B. Maderna di Cesena
legge Roberto Mercadini
PRIMA RAPPRESENTAZIONE


Date e Info: Mercoledý 17 febbraio 2010 ore 21,00 (abbonati in anticipo musica e danza)

Scheda:

Felice connubio di musica e lettere, la serata verterà da un punto di vista musicale sulla proposizione di alcune composizioni che si situano tra Seicento e Settecento, nel periodo barocco, a cominciare da brani di Vincenzo Galilei, padre di Galileo, per finire con composizioni di Georg Friedrich Haendel, di cui ricorre il 250° anniversario della morte.

Galileo Galilei era considerato da Calvino il maggiore tra i prosatori italiani, degno di essere inserito nella linea aurea Ariosto-Galilei-Leopardi: egli portava ad esempio alcuni testi di grande qualità letteraria, oltre che scientifica. Le lettere che sono state scelte permetteranno di cogliere la straordinaria bellezza della scrittura galileiana, e nello stesso tempo ci avvicineranno a quell’annus mirabilis, il 1610, nel quale Galileo rivoluziona l’astronomia e pone le basi della scienza moderna.

Per rendere più agevolmente apprezzabile la straordinaria rivoluzione galileiana, le lettere saranno accompagnate da brevi commenti, proposti anch’essi da Roberto Mercadini, e saranno intervallate da  brani musicali. Galileo era anche un musicista. Suonava il liuto, che aveva studiato sotto la guida del padre, quel Vincenzo Galilei che si è battuto per il rinnovamento della musica tanto quanto il figlio ha lottato per rinnovare la scienza. Alcune delle musiche di questa serata può averle ascoltate, o suonate, anche Galileo. E poi, proprio come la fisica di Galileo sarà all’origine della grande unificazione teorica di Isaac Newton, così dalla musica di Vincenzo Galilei si arriverà fino a quella di Georg Friedrich Haendel, che è morto proprio 250 anni fa.

Durante lo spettacolo, saranno proiettate immagini della Luna, di Giove e degli altri pianeti come quelle che vedeva e disegnava Galileo per documentare le sue scoperte.


Piazza Guidazzi - 47521 Cesena - Info: 0547 355911 - Biglietteria: 0547 355959 - Fax: 0547 355910 - info@teatrobonci.it - P.iva e C.F. 01989060361

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK