EMILIA ROMAGNA TEATRO FONDAZIONE
Stagione in Corso
Prosa 

VA PENSIERO

Locandina:

di Marco Martinelli

ideazione e regia Marco Martinelli e Ermanna Montanari

in scena Ermanna Montanari, Alessandro Argnani, Salvatore Caruso, Tonia Garante, Roberto Magnani, Mirella Mastronardi, Ernesto Orrico, Gianni Parmiani, Laura Redaelli, Alessandro Renda 

con la partecipazione del Coro lirico Alessandro Bonci di Cesenan nell'esecuzione di alcuni brani dalle opere di Giuseppe Verdi   

incursione scenica Fagio, Luca Pagliano

arrangiamento e adattamenti musicali, accompagnatore e maestro del coro Stefano Nanni

scene Edoardo Sanchi

costumi Giada Masi

disegno luci Fabio Sajiz

musiche originali Marco Olivieri

suono Marco Olivieri, Fagio

consulenza musicale Gerardo Guccini

PRODUZIONE EMILIA ROMAGNA TEATRO FONDAZIONE e TEATRO DELLE ALBE/RAVENNA TEATRO

 

giovedì 1 marzo

WikiBonci

introduzione allo spettacolo a cura di Altre Velocità

 

sabato 3 marzo ore 17.30

Conversando di teatro

 

la Compagnia incontra il pubblico


Date e Info: da giovedý 1 a sabato 3 marzo, ore 21 - domenica 4 marzo 2018 ore 15.30

Scheda:

Pensato come una grande creazione corale, Va pensiero, la nuova produzione del Teatro delle Albe e di ERT, è un lavoro ideato e diretto da Marco Martinelli e Ermanna Montanari.

Va pensiero dipinge un affresco del presente del nostro Paese e lo fa descrivendo il ‘pantano’ e la corruzione dell’Italia di oggi suggerendo un parallelo con la ‘speranza’ risorgimentale inscritta nella musica di Giuseppe Verdi. Ci racconta la storia di un vigile urbano che presta servizio in piccola città dell'Emilia Romagna; nell’esercizio della sua funzione, il pubblico ufficiale rimane ligio ai suoi solidi principi e decide di non piegarsi al volere dei poteri forti arrivando a farsi licenziare pur di mantenere intatta la sua integrità morale: lo spettacolo indaga il complicato e delicato intreccio tra mafia, politica e imprenditoria compiacente, intreccio che sta sempre più capillarmente penetrando nel tessuto sociale della Regione che ha visto nascere il socialismo e le prime cooperative, avvelenandolo.

Dopo Pantani e Rumore di acque, Slot Machine e Vita agli arresti di Aung San Suu Kyi, Marco Martinelli porge un altro affondo al suo Paese e lo fa mettendo a fuoco un tema che indaga anche nel suo lavoro recente sull’Inferno: un grido disperato e ancora vibrante di speranza, lanciato per fare sì che si ritrovi il significato di parole come ‘democrazia’ e ‘giustizia’.

In scena, un cast importante, dove il consueto gruppo del Teatro delle Albe è affiancato da altri attori ‘ospiti’. Accompagna il lavoro un coro dal vivo che, diretto da Stefano Nanni, esegue arie e corali dalle opere verdiane.

emiliaromagnateatro.com
teatrodellealbe.com

 

 


Piazza Guidazzi - 47521 Cesena - Info: 0547 355911 - Biglietteria: 0547 355959 - Fax: 0547 355910 - info@teatrobonci.it - P.iva e C.F. 01989060361

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK